Amanti di vita, amanti di morte: la violenza relazionale che non finisce sui giornali

Simona Massa Ope

Abstract

L’articolo analizza il fenomeno della violenza relazionale “sottile” nel rapporto uomo-donna, e gli irretimenti derivanti dalla violenza simbolica, sedimentati storicamente nella psiche femminile; tali irretimenti forniscono l’elemento inconscio di collusione che espone la donna a numerose violazioni dell’alterità nel rapporto con l’uomo. A tal fine, l’autrice propone l’interpretazione in chiave simbolica di un noto film del regista W. Allen, Match Point (2005), in cui è rappresentata una situazione di violenza estrema nei confronti di una figura femminile da parte del partner maschile che, a causa del reciproco coinvolgimento sentimentale, sente minacciato il proprio equilibrio narcisistico e la sua scalata sociale. Si prospetta, dunque, un tradimento dell’anima che, come afferma il filosofo francese Lévinas, si manifesta attraverso “il volto dell’altro”. Queste storie che sembrano riguardare l’ambito esclusivamente privato dei rapporti tra uomini e donne, in realtà hanno una corrispondenza nell’ambito della vita pubblica degli esseri umani, nella polis, perché ciò che accadenella psiche degli individui, nelle loro relazioni personali, è sempre anche una questione politica.

Full Text

PDF




Studi Junghiani - Open Access Peer Reviewed Journal
ISSN 1828-5147, ISSNe 1971-8411

Gli articoli di questa rivista sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0). I lettori possono scaricare e condividere il contenuto di un articolo citando l'autore e la prima pubblicazione su questa rivista, nel rispetto della Licenza CC BY-NC-ND.