Curare l’individuo senza cambiare il mondo? Alcune riflessioni sulla relazione tra analisi e politica

Paolo Severino

Abstract

L’autore, anche alla luce dell’attuale emergenza pandemica virale, riflette sul complesso rapporto tra psicologia del profondo e politica e su come questo entri, in varie forme, nella relazione tra analista e paziente. A partire dai contributi di autori quali, oltre a Jung, Neumann, Hillman, Samuels, Bollas e, in campo extra-analitico, Illich, vengono analizzati i possibili significati politici di questa relazione e, più in
generale, delle terapie del profondo, sviluppando i seguenti nuclei tematici: l’analisi come luogo di resistenza e di diversificazione dalla psicologia di gruppo; l’importanza di dare spazio alla politica nella relazione analitica; la democrazia come metafora della mente e dell’analisi; la terapia analitica come spazio per lo sviluppo dell’“agentività”; la relazione fra funzione etica della terapia e comportamenti politici; il significato politico dell’individuazione. Ci si interroga sugli elementi di possibile “contro-produttivività” politica e sociale della terapia del profondo e, all’opposto, sugli elementi qualificanti dell’analisi, da rivendicare nel confronto con altre forme di terapia e per quanto riguarda il suo impatto politico e culturale nella società.

Full Text

PDF




Studi Junghiani - Open Access Peer Reviewed Journal
ISSN 1828-5147, ISSNe 1971-8411

Gli articoli di questa rivista sono pubblicati con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0). I lettori possono scaricare e condividere il contenuto di un articolo citando l'autore e la prima pubblicazione su questa rivista, nel rispetto della Licenza CC BY-NC-ND.