Lo smartworking come opportunità di lavoro per le donne con disabilità fisico-organiche. Esito specifico dell’indagine internazionale “Ready Woman. New opportunities of employment for social inclusion of women with disabilities”

Loredana Perla, Laura Sara Agrati, Alessia Scarinci, Maria Concetta Rossiello

Abstract

Oggetto dell’articolo è lo studio delle condizioni lavorative delle donne con disabilità, in particolare delle opportunità offerte dalle tecnologie che consentono di lavorare in remoto. Su quest’ultimo, specifico, tema vengono presentati i risultati di una ricerca sull’accessibilità e su nuovi settori di impiego per le donne con disabilità, in generale, e con disabilità fisica e sensoriale, realizzata nell’ambito del progetto Erasmus+“Ready Woman, New opportunities of employment for social inclusion of women with disabilities” presso il Dipartimento For.Psi.Com. dell’Università degli Sudi di Bari ‘Aldo Moro’. L’indagine a metodo misto, condotta con strumenti quali-quantitativi, restituisce le percezioni e le rappresentazioni delle esperienze delle donne con disabilità in cerca di lavoro e degli operatori dei servizi di orientamento/collocazione riguardo le opportunità e le sfide poste dallo smart working.

Full Text:

PDF (Italiano)




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License.

Education Sciences & Society - Open Access Peer Reviewed Journal
ISSNe 2284-015X | AUT. TRIB. MILANO N. 80 DEL 13/07/2016

This journal applies the Creative Commons Attribution - Non-Commercial - No Derivatives 4.0 License (CC BY-NC-ND 4.0) to works published, in order to facilitate free immediate access to, and unrestricted reuse of, original works of all types. Under this license, authors agree to make articles legally available for reuse, without permission or fees, for virtually any purpose. Anyone may copy, distribute or reuse these articles, without modifying them, as long as authors and original sources are properly cited.