Cultura del consumo, bellezza ed educazione dello sguardo. Per una pedagogia dell’essenziale

Maria Grazia Grazia Simone

Abstract

L’articolo intende sollecitare una maggiore attenzione del discorso pedagogico sul tema della bellezza intesa come “direzione di senso educativo” e “dinamica significante” (Musaio, 2006) per riscoprirla come uno degli obiettivi più importanti della formazione dell’essere umano.
Il contributo delinea le piste di ricerca pedagogica e le opzioni didattiche percorribili per un’educazione alla bellezza negli ambienti di vita della persona, affinché si possa guidare la capacità di guardare all’essenziale anche all’interno delle vaste sollecitazioni offerte dalla cultura del consumo.
Dinanzi ad un agire volutamente esteriorizzato fino all’estremo, l’esperienza educativa sollecita a riconquistare la capacità di fare di se stessi il centro del proprio essere e della bellezza non il motore propulsivo della vanità ma un vettore di progettualità e di impegno individuale e sociale.
Educare alla bellezza e alla profondità del cuore avvicina l’essere umano al suo nucleo costitutivo per risvegliare la capacità di progettare nuovi modi d’essere e così suscitare la sete di essenzialità e di bellezza, necessarie per un futuro di pace e di giustizia.

Full Text:

PDF (Italiano)




Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 License.

Education Sciences & Society - Open Access Peer Reviewed Journal
ISSNe 2284-015X | AUT. TRIB. MILANO N. 80 DEL 13/07/2016

This journal applies the Creative Commons Attribution - Non-Commercial - No Derivatives 4.0 License (CC BY-NC-ND 4.0) to works published, in order to facilitate free immediate access to, and unrestricted reuse of, original works of all types. Under this license, authors agree to make articles legally available for reuse, without permission or fees, for virtually any purpose. Anyone may copy, distribute or reuse these articles, without modifying them, as long as authors and original sources are properly cited.