Claudio Pavone, uno storico inattuale e necessario. Rileggendo un suo documento

Tiziana Noce

Abstract

Il saggio rilegge un documento già edito di Claudio Pavone, uno “schizzo autobiografico” tratteggiato su richiesta di Albert O. Irschman. Lo schizzo contiene ricordi e considerazioni che si situano a metà fra Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella Resistenza, l’opera del 1991 che ha innovato gli studi sul tema, e La mia Resistenza, un libro di memorie pubblicato nel 2015. Lo scritto di Pavone è analizzato alla luce di due fra i maggiori temi che hanno accompagnato la sua riflessione intellettuale: la tensione fra riferimenti ideali diversi e ugualmente sentiti e gli esiti politici di tali riferimenti; l’astensione dalla lotta armata, una scelta impegnativa soprattutto per chi come Pavone riteneva la resistenza armata all’occupazione tedesca e alla Repubblica Sociale Italiana un’opzione necessaria e legittima.

Keyword in italiano

Contemporary History, Resistance, Claudio Pavone, Autobiography, Italian Antifascist Culture, Second World War

Full Text

SCARICA QUI IL PDF




Questa sezione di Italia contemporanea pubblica articoli ad accesso aperto, rilasciati con Licenza Creative Commons - Attribuzione Non Commerciale - Non opere Derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0). I lettori possono scaricare e condividere liberamente il contenuto di un articolo citando autore, titolo, testata ed editore, nel rispetto della Licenza CC BY-NC-ND. COME CITARE UN ARTICOLO.