Biopolitica dell’igiene nel primo dopoguerra. Genere e governo dei corpi nella costruzione dell’assistente sanitaria visitatrice

Olivia Fiorilli

Abstract

L’autrice analizza la costruzione discorsiva dell’assistente sanitaria visitatrice intesa come figura paradigmatica delle biopolitiche di governo della popolazione affermatesi nei decenni successivi alla Grande guerra, centrate sul governo delle condotte (igieniche) individuali in vista dell’ottimizzazione del “capitale umano” della nazione. Emersa in Italia sotto gli auspici della American Red Cross, si affermò ben presto come prototipo di una strategia di diffusione dell’igiene nelle case del proletariato e di educazione della popolazione ad assumere condotte di vita “sane” e “razionali”basata sulla persuasione e sul coinvolgimento dell’individuo nell’amministrazione delle proprie risorse biologiche. L’analisi di questa figura, il cui “capitale” precipuo era il suo genere, permette di gettare luce su uno dei modi in cui la femminilità (borghese) è stata messa a lavoro nella costruzione di pratiche e istituzioni del governo biopolitico della popolazione nel periodo in cui furono costruite le premesse del welfare state in Italia.

Keyword in italiano

biopolitica, genere, assistente sanitaria visitatrice, governo delle condotte di vita, igiene; politiche sociosanitarie

Full Text

SCARICA QUI IL PDF




Questa sezione di Italia contemporanea pubblica articoli ad accesso aperto, rilasciati con Licenza Creative Commons - Attribuzione Non Commerciale - Non opere Derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0). I lettori possono scaricare e condividere liberamente il contenuto di un articolo citando autore, titolo, testata ed editore, nel rispetto della Licenza CC BY-NC-ND. COME CITARE UN ARTICOLO.