Le relazioni petrolifere Italia-Urss: l’Agip e il Nepthesyndacat 1926-1934

Giacinto Mascia

Abstract

L’articolo analizza il rapporto petrolifero fra l’Agip e il Nepthesyndacat russo durante la prima fase di sviluppo della politica petrolifera italiana. Nel 1926 il governo istituì l’Agip che avviò subito le attività di upstream in Romania ed Albania, ma fino al 1934 l’attività di downstream Agip in Italia si limitò alla commercializzazione di prodotti petroliferi raffinati importati. Per inserirsi e consolidarsi sul mercato petrolifero italiano controllato dalla Siap e dalla Nafta, filiali rispettivamente della Standard Oil of New Jersey e della Royal Dutch-Shell, l’Agip si avvalse della collaborazione del Nepthesyndacat. L’afflusso dei carburanti russi permise all’Agip di contrastare il downstream Siap-Nafta, consentendo un generale rafforzamento dell’ente di Stato sul mercato nazionale in attesa della valorizzazione dei suoi campi petroliferi rumeni e albanesi.

Full Text

SCARICA QUI IL PDF




Questa sezione di Italia contemporanea pubblica articoli ad accesso aperto, rilasciati con Licenza Creative Commons - Attribuzione Non Commerciale - Non opere Derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0). I lettori possono scaricare e condividere liberamente il contenuto di un articolo citando autore, titolo, testata ed editore, nel rispetto della Licenza CC BY-NC-ND. COME CITARE UN ARTICOLO.